RECUPERO SCIAMI

RECUPERO SCIAMI

Cerchiamo di restituire all’ape la nobiltà del suo lavoro.

Con gli sciami liberi abbiamo la possibilità di vedere il lavoro delle api, libere dalla costrizione e dall’egoismo dell’uomo. Lo scopo di apicultura naturale è proprio questo, cioè quello di creare un habitat il più possibile vicino a quello naturale.

Recuperare uno sciame è un’operazione il più delle volte semplice, ma questo non significa che sia semplice o che tutti siano in grado di effettuarlo. Sono necessarie conoscenze appropriate, giusti strumenti e un piccolo protocollo da seguire. Di seguito elenchiamo le fasi principali:

OPERAZIONI PRELIMINARI AL PRELEVAMENTO DELLO SCIAME

Lo sciame viene rispettato nella sua costruzione e nella sua costituzione misurando orientamento geomagnetico, forza vitale dell’eventuale pianta ospitante, caratteristiche della pianta seguendo i principi della biodinamica. Nel caso di sciami con favi già costituiti, viene rispettato il senso della costruzione dei favi nella fase di ricostruzione.

OPERAZIONI DI REGISTRAZIONE DEL SITO

Nella zona in cui viene effettuato il recupero dello sciame, viene effettuata una registrazione delle coordinate geografiche al fine di individuare le zone con più frequenza di recuperi. E’ nostra intenzione, infatti, collaborare, tramite il nostro lavoro, ad un futuro registro sull’attività degli apicoltori naturali.

OPERAZIONI DI PRELIEVO DELLO SCIAME

In base alla differenziazione della posizione dello sciame, abbiamo differenti strumenti per la cattura dello sciame, anche in situazioni domestiche (ad es. sciame all’interno di appartamento o intercapedini murarie). In linea generale, le fasi da seguire per il prelievo dello sciame sono le seguenti:

Effettuate le fasi preliminari si mette in sicurezza la zona, avvisando proprietario del sito e relativi vicini del lavoro che si sta effettuando; Il ciò significa, metterli al corrente che per la cattura è necessario mantenere un’adeguata distanza di sicurezza e che le operazioni potrebbero impiegare più di un giorno.

Indossata l’attrezzatura idonea, l’operatore si accinge a prelevare la famiglia avvicinando l’alveare con la cesta per il recupero e cercando di lavorare nella maniera meno traumatica possibile sullo sciame.

Lo sciame, una volta prelevato e messo in sicurezza nella cesta per il recupero, viene trasportato in auto e portato nell’ apiario e collocato rispettando i dati presi in precedenza.

 

Gli sciami naturali sono fondamentali perché mantengono le api in vita senza le cure chimiche alle quali sono sottoposte durante la loro vita in cattività. Le api infatti, grazie alla loro capacità di sciamare e vivere libere, mantengono la vita su questo pianeta portando la vita diffusa a tutti i livelli, non solo con l’impollinazione, ma anche tramite la deposizione di una piccola quantità di veleno nella pianta necessario alla vita della pianta stessa.

Se la vita delle api fosse solo quella che gli offre l’uomo con l’apicoltura meccanizzata, le api sarebbero già estinte e con loro tutto il resto.

Con la “lista recupero sciami” (lista di nominativi e numeri telefonici di apicoltori) abbiamo da anni lavorato per dare un servizio alla comunità a livello gratuito e nello stesso tempo di “alta competenza”. In particolare lo studio del posizionamento e direzione delle api, il monitoraggio delle zone dove gli sciami si ripresentano, la frequenza di chiamate e la provenienza. Questo servizio si diversifica quando le condizioni i  modi e i tempi mutano, cioè se ci dovessimo trovare di fronte a delle difficoltà  o impedimenti, naturalmente sarà richiesto un corrispettivo per i tempi impegnati.

Lista recupero sciami