CHI SIAMO

CHI SIAMO

Apicultura Naturale nasce dall’idea di Nicola Saviano, apicoltore e diplomando presso l’ Accademia Italiana di Permacultura.

Nicola si avvicina al mondo dell’ apicoltura convenzionale nel 2005 ad Ostia Antica grazie al lavoro e alla passione di un anziano apicoltore del luogo che svolgeva la sua attività da generazioni. Impara velocemente ad allevare famiglie di api e ad estrarre miele e pappa reale, ma presto si accorge dei limiti dell’apicoltura razionale; I processi meccanici che abitualmente intervengono nell’apicoltura classica, infatti, sono svolti attraverso manipolazioni errate dei favi, impiego di forme e materiali (metalli soprattutto) non naturali e riutilizzo di cera prestampata e stressata contenente molecole chimiche provenienti da altre lavorazioni.

C’è bisogno di un approccio profondamente diverso all’allevamento delle api, ed infatti nel 2008 Nicola è uno dei primi in Italia ad utilizzare le arnie del Kenia (Kenya top bar hives) sperimentando i favi naturali e la differente forma dell’arnia.

Nel 2012, dopo il corso PDC (Permaculture Deisgn Certification) di 72 ore a Roma, Nicola intuisce che i principi della permacultura si avvicinano all’etica e ai principi dell’apicoltura naturale. Da qui la cultura dell’ape ed il conio del termine Apicultura.

Gli studi proseguono con l’iscrizione all’Accademia Italiana di Permacultura, come studente in apprendimento attivo e l’applicazione sul campo dei principi fondamentali.

Con la collaborazione di una collega permacultrice è in via di progettazione la fattoria Flemfarm a Formello, nella campagna romana. La fattoria non è solo il luogo di sperimentazioni sui principi della permacultura, ma anche un luogo dove poter sensibilizzare le persone che vogliono avvicinarsi alle api in maniera differente.

Da alcuni anni ormai non eseguiamo più prelievi di miele e altri prodotti, ma solo di cera dei favi in eccesso. Questo perché l’apicoltura intesa come produzione di miele significa praticamente uccidere le api. L’apicoltore che produce miele per denaro ha bisogno di prelevare quantità di miele tali da uccidere, nella maggioranza dei casi, la famiglia che lo produce. Non calcoliamo, inoltre, i metodi traumatici e brutali impiegati per sfruttare le api (marchiate e spesso amputate delle ali) obbligandole ad una vita coatta e, nella stragrande maggioranza dei casi, molto breve.

Apicultura Naturale non è solo un attività legata alle api. Da un punto di vista “semplicistico”, le api costituiscono la base dell’impollinazione legata alle piante, e sostengono quindi gran parte dell’alimentazione dell’uomo.

L’uomo di fatto dovrebbe occuparsi saggiamente degli equilibri ambientali, ed in particolar modo essere attento alla vita dei meravigliosi esseri che sono le api. L’Apicultore Naturale opera con una visione olistica considerando le leggi della vita che compenetrano tutto il cosmo,Terra, pianeti, stelle, correnti, flussi, ritmi, intensità.

Le api, dispensatrici di vita, che soffrono per l’utilizzo della chimica in agricoltura e per l’egoismo dell’uomo che le sfrutta con processi meccanizzati ed intensivi, devono essere aiutate nella loro evoluzione da una diversa sensibilità. Cercare di agire per portare equilibrio, armonia, per Terra, piante e uomo è il compito dell’Apicultura Naturale.